Perché evitare i cliché?

Di Pascal Perrat

Traduzione di Gloria Salvatori

“È preferibile avere una scrittura brillante e corretta, senza cliché e senza errori.”

Bernard Pivot, Le mots de ma vie, Albin Michel

Perché evitare i cliché in un testo?

Perché distruggono ogni forma di riflessione, di creatività. Perché impoveriscono il testo e mostrano subito i limiti di un giornalista o di uno scrittore. Usare i cliché significa scrivere meccanicamente, senza alcuno sforzo mentale. Significa smettere di pensare e ripetere migliaia di volte espressioni inventate da altri.

Una decerebrazione insidiosa

La radio, la TV, i giornali e la pubblicità propongono ogni giorno cliché e luoghi comuni. Queste frasi fatte si insinuano nei nostri discorsi e nei nostri testi senza che ce ne rendiamo conto. Privati di ogni immaginazione da questa decerebrazione insidiosa, ripetiamo in maniera passiva le formule che abbiamo sentito o letto. L’epidemia si propaga tra la gente comune e tra gli alti funzionari dello Stato, tra gli autoctoni e tra gli immigrati. Ognuno di noi diventa mero portavoce di queste espressioni preconfezionate. Tutti perdono la propria capacità creativa e la nostra lingua si impoverisce.

eplus-block-bsi5460b214c2698-post-4900-width500pxUn trucchetto per individuare i cliché

Se avete un dubbio o se vi state chiedendo se l’espressione, il costrutto o l’immagine che avete scelto siano dei cliché più o meno scontati, collegatevi a Internet. Poi andate su Google. Una volta qui, andate su “Ricerca avanzata”. A questo punto, vedrete una casella che vi suggerisce: “Trova pagine web che contengono questa esatta parola o frase”, non dovete far altro che inserire “rannicchiata su” o “da togliere il fiato”, ad esempio, e cliccare per ottenere il risultato.

Non c’è bisogno di aver vinto il premio Nobel per la matematica per capire che più il risultato è elevato, più il cliché è palese. Alcuni obietteranno che questi risultati sono molto approssimativi, in quanto prendono in considerazione tutto ciò che riguarda l’espressione analizzata. È così. Tuttavia, anche se questi risultati sono ottenuti in maniera poco scientifica, “a occhio e croce” parlano da sé.

Fate le vostre ricerche e fateci sapere!

 

Annunci


Categorie:articoli

Tag:, , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: